Thursday, 1 December 2011

Camillo Langone e la natalità: De Gobineau spiegato ai Padani

http://femminismo-a-sud.noblogs.org/post/2011/11/30/del-fare-figli-italici-e-della-pulizia-etnica/



Abbiamo un mito fondativo noi Italiani, che questo è un paese dove avere un partito di destra normale è impossibile. Le altre nazioni occidentali hanno una loro destra istituzionale, che generalmente è liberal, liberista, anti tasse, pro-privatizzazione etc etc.
Per carità, anche loro hanno le loro nicchie di ‘destra farneticante’, generalmente xenofobe, a volte nostalgiche dei fascismi passati. Però è importante notare come, tradizionalmente, questi due modi di essere di destra si integrino con difficoltà all’interno di un’unica formazione politica e la destra farneticante sia spesso percepita come dotata di minore legittimazione a partecipare nella vita democratica del paese.

O magari è un processo inevitabile, così come il Tea Party sta infiltrando dall’interno il Partito Repubblicano statunitense, è destino che le destre liberal del mondo abbraccino questi loro impresentabili parenti. Se è così, allora noi in Italia siamo all’avanguardia, perché quanto a destra farneticante non ci siamo mai fatti mancare nessuno: ex manganellatori nostalgici, golpisti adoratori del dio Ra, secessionisti Padani che discettano di purezza della razza seduti sotto al perlinato mentre ai loro piedi i figli, il risultato di secoli di pratiche endogamiche, infilano le dita nelle prese elettriche e si allontanano confusi trascinando in terra le nocche.

Queste erano le cose che andavo meditando mentre leggevo l’articolo di Camillo Langone apparso ieri su Libero, che mi è stato girato via email da almeno 10 persone ed impazza su tutti i social-networks - che amici deliziosi che ho.

Lo conoscete già tutti, ma questa è la sintesi: Volete meno immigrati? dobbiamo fare più figli, io (Langone) che sono un sociologo della madonna e ho fatto rigorosi studi comparati in materia ho concluso che dobbiamo limitare l’accesso femminile all’istruzione. Si! Laddove i livelli di scolarizzazione femminile sono bassi, la natalità è alle stelle. Batti il cinque, fratè, you'll thank me later.

Poi, siccome ci sono i mali di stagione e ho letto questo articolo sotto l’effetto di 8 compresse da 250 mg di Penicillina al giorno, sono ricaduta sul cuscino e la mia mente a cominciato a divagare. Ma chi è questo Langone? Ma chi sarà, ma chi non sarà...sono anche andata a controllare sul suo sito personale,  per inquadrare meglio questo affascinante personaggio.

Ho appreso che egli è l’autore di un gran numero di pregevoli pubblicazioni, sull’autarchia gastronomica, sul catechismo e persino un ‘un piccolo classico della letteratura erotica italiana" che io immagino essere una specie di Pigmalione distopico in cui un sadico diseducatore si è preso in casa una giovane afflitta da una preoccupante propensione agli studi e ora la tiene prigioniera, ingravidandola brutalmente ogni volta che la sventurata azzecca per distrazione un congiuntivo.

Peccato che le note biografiche sul sito siano così scarne, perché quello che io volevo veramente sapere era ‘Ma Langone ce l’ha una figlia?’

Secondo me, qualcuno dovrebbe pur prendersi la briga di andare a verificare se il Signor Langone è coerente con i suoi ideali. Se ha una figlia, voglio sperare che ella sia tenuta segregata in una speciale camera piombata secondo il modello ‘Casa Fritzl’, a riparo da qualsiasi influenza corruttrice. Perché si sa, i bambini, se non sono figli di leghisti, tendenzialmente sono svegli, basta che vedono un po’ di televisione o gli dai in mano un Nintendo DS che quelli magari imparano qualcosa. E adesso che Langone ci ha illuminati non possiamo più ignorare il pericolo: ogni volta che la mente di una ragazzina elabora una nuova informazione, nel suo grembo migliaia di ovociti primari si spengono nel silenzio.
Voglio inoltre sperare che la piccina, raggiunta la pubertà sia subito data in sposa ad un gagliardo maschio italico, per massimizzare quanto possibile l’output produttivo dei giovani sposi.  Insomma, c'è un Italia da ripopolare! Ci sono gli italiani di domani da fare! Langone mi auguro vivamente che stia facendo la sua parte. Perchè si, chi di noi non sogna un'Italia così?





19 comments:

La Scalza said...

Dopo aver osservato un minuto di silenzio per il cervello di questo tizio ho concluso che il problema è che in Italia non abbiamo la normale divisione dx e sx.
Quelli di sinistra riformista sembrano i liberali di dx e quelli che dovrebbero essere di dx sono una banda di fascisti, tra l'altro vestiti peggio dei fascisti, ma bifolchi allo stesso modo.
Questo vuol dire che i temi tipicamente cari alla sx come i diritti civili, quelli delle minoranze, quelli delle donne, la questione del lavoro &co non li rappresenta nessuno se non in campagna elettorale stampati sulle bandierine.

Io non dico che aspiro ad un Berlinguer bis, però ecco..qualcosa più di sinistra di Renzi così da riequilibrare la questione ci sarà in Italia o no?

stealthisnick said...

poi però se vengan fuori figlioli come sto langone, allora è meglio la natalità sotto zero

guardando una foto del tizio in questione c'è da sperare con buone probabilità che almeno lui non abbia figliato

Saverio Luzzi said...

Cara Flavia, innanzitutto ti ringrazio per avermi dato dell' "amico delizioso".
:)

Langone forse una figlia ce l'avrà pure, ma ricorda che essere di destra vuol dire anche consentire ai propri figli di fare quel che si vuole e obbligare i figli altrui a sottomettersi ai voleri di chi comanda.

Flavia said...

@ Saverio:

Delizioso si! Sei primus inter pares tra i deliziosi che mi hanno amabilmente sottoposto questo testo pregevole :-)

@SdN

Stavo per chiudere questo post facendo più o meno la tua stessa riflessione, avevo anche salvato una foto del fascinoso Langone per inserirla (un uomo la cui faccia è già di per sè un valido anticoncezionale) poi ho pensato di non infierire. Grazie per averlo fatto al posto mio :-)

@Scalza:
Concordo su tutta la linea, sul silenzio e sullo sgomento che desta 'Renzi uomo di sinistra'. Sono parole che mai avrebbero dovuto convivere entro la medesima frase...

Claudio said...

Ieri, quando anche io fui reso partecipe da più parti di questa perla del giornalismo italiano (non credo servano le virgolette, per segnalare l'ironia), mi sono chiesto non tanto chi fosse Langone, ma perché avesse scritto un pezzo del genere: in altri termini, ci é o ci fa?
Ora, mi rendo conto che valutare le opinioni di un folle con dei criteri filologici non è praticabile, ma ho provato a ipotizzare che non fosse un folle e il testo avesse una sua intentio.
In tal caso, si potrebbe dire che l'autore riconosce, analizzando la piramide demografica, la necessità inevitabile di immigrazione o di una maggiore natalità: tuttavia egli, come ci ha apertamente detto, è sinceramente xenofobo e prova disagio; preferisce dunque la seconda opzione, ma le giovani coppie italiane sembrano non interessate a riprodursi... Ecco allora la sua modesta proposta, per risolvere il problema (proposta che, come premette, lo esporrà alle critiche): se la causa dello "sboom" (sic! e anche sigh!) non è la religione, non è l'ideologia, è la cultura e basta non far studiare le donne.
Però il pezzo si apriva denunciando il fatto che i figli costano, che i genitori debbono mantenerli a vita (e il perché debbano farlo non è scritto, ma credo sia chiaro...): mi era rimasto il dubbio che in quella preterizione che chiudeva il paragarfo iniziale ("non è questa la vera causa"), non si potesse scorgere l'indizio di una diversa chiave di lettura, più alla Modest Proposal swiftiana appunto.

Ora però, spinto dalla curiosità che mi hai messo sul suo passato, sono andato a vedere il suo sito.
Le sue pubblicazioni hanno iniziato a erodere la mia fiducia... Le sue fotografie mi hanno spinto a dubitare della sua ironia. Infine, nella sezione contatti ho letto:
Per brevi elogi e inviti a manifestazioni che prevedono un gettone di presenza...
Questo mi ha disilluso del tutto.
Rimane valida solo l'ipotesi del folle, a questo punto.

Flavia said...

Beh Cla,
Ti fa onore avergli concesso il beneficio del dubbio, esserti soffermato a valutare l'intentio dell'autore, e l'accostamento swiftiano è veramente sintomo di una tua generosità LATENTE.

Mi stai francemnte cominciando a preoccupare. ;-)

stealthisnick said...

sempre al tuo servizio

Claudio said...

Se avessi assistito alla simpatica chiaccherata fra Francesca e me ieri mattina, non ti preoccuperesti...
Ci siamo riconosciamo nelle posizioni di Donoso Cortés, il quale (cito le parole di Carl Schmitt) riteneva l'umanità «una nave sballottata per il mare senza meta, carica di una ciurma sediziosa e volgare, reclutata a forza, che balla, canta a squarciagola, finché l'ira di Dio la precipita in mare in modo che torni a regnare il silenzio»...
No, forse ha ragione: dovresti preoccuparti. La tua assenza ci spinge a una deriva mistico-reazionaria senza freno.
Torna, per il bene della Patria :-)

Flavia said...

vabbeh martedì torno a Roma dal momento che abbandonarsi a lunghe citazioni da Carl Schmitt è una chiara richiesta d'aiuto. Non so bene cosa pensi io possa fare per frenare la deriva mistico-reazionaria...non sono la Mary Poppins dei tuoi esaurimenti nervosi! o forse si?

Zdenek said...

Stando ai suoi "ragionamenti", se avesse una figlia avrebbe avuto una donna. Se avesse avuto una donna - ed un figlio da questa - l'avrebbe sposata. Se si fosse sposato non avrebbe divorziato o non avrebbe concesso il divorzio senza spargere del sangue.

Non porta fedi nuziali né ha sgozzato nessuno finora e, quindi, non ha una figlia.

Il suo prossimo pezzo sarà sulla televisione che distrae dalle lenzuola.

Flavia said...

@Zdenek:

Elementare dear Watson!

Grande spirito di osservazione e ottime capacità deduttive :-)

Mi rammarico solo di aver generato involontariamente un'impennata di traffico sul suo sito, visto che siamo tutti andati a vederlo e a fargli le bucce!

Claudio said...

@Flavia: non fingere di ignorare che sei il mio orizzonte morale. Non ci fossi stata tu, sarei già da tempo sotto processo all'Aja...

@Zdenek: ragionamento impeccabile. Ma presuppone una stretta coerenza fra pensiero e azione che di solito non si trova nei lettori di Libero (come dimostrano i Family Day). Non mi stupirebbe anzi se, dopo aver inneggiato a Dio, Patria e Famiglia, il signor Langone (e spero non me ne voglia se lo chiamo signore) si rechi ad adorare Osiride, porti i capitali all'estero e passi le serate nel suo harem

Flavia said...

@Cla:

Sniff...sono commossa. Preoccupata, ma commossa...

stealthisnick said...

c'è la conferma, dice Langone

http://www.liberoquotidiano.it/news/884190/C-%C3%A8-la-conferma-togliete-i-libri-alle-donne-e-faranno-pi%C3%B9-figli.html

Zdenek said...

Il tizio non sta bene, è evidente.

Flavia said...

oggesù, ma questo di oggi è Langoneddon...Buffo poi che si chieda perchè le donne non guardino con diffidenza ai gay, ma non lo sfiori l'idea che possano avercela invece con chi vorrebbe cacciarle via dalle università per trasformarle in incubatrici a tempo pieno.

Sono piena di perplessità :-)

stealthisnick said...

che poi vorrei proprio vederle queste "amiche sue"

Flavia said...

Dici che sono le amiche immaginarie che coltiva sin dall'infanzia? :-)

stealthisnick said...

ti segnalo l'ultima del mirabolante Langone

dice: "Sono romantico come una femmina"

direi che non fa una grinza

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...